Defibrillatore nelle Palestre e negli Impianti Sportivi: è obbligatorio?

In Italia sono più di 900 gli sportivi che perdono la vita a causa di un improvviso arresto cardiaco durante lo svolgimento delle proprie attività. Avere un defibrillatore è fondamentale in luoghi come palestre, centri sportivi, centri di danza, centri benessere e tutti quei luoghi dove si svolgono attività che possono interessare il sistema cardiovascolare.

Con il famoso Decreto Balduzzi, a partire dal 1° luglio 2017 tutte le associazioni sportive e dilettantistiche devono dotarsi di un defibrillatore così da essere in grado di salvaguardare la salute degli iscritti, che siano questi agonisti o amatoriali.
La legge afferma anche che l’obbligo di possedere un defibrillatore può essere assolto se:

  • l’impianto sportivo è già dotato di un defibrillatore semiautomatico DAE
  • se all’interno dello staff è presente una persona qualificata o formata sull’uso corretto di un defibrillatore semiautomatico DAE durante: gare sportive, svolgimento di attività agonistiche, gare organizzate

Prima dell’inizio di qualsiasi gara è fondamentale che le associazioni e le società sportive controllino la presenza del defibrillatore all’interno dell’impianto ma non solo, va controllata la sua regolare funzionalità e la sua accertata manutenzione.
Dalle palestre agli impianti sportivi, ma in generale in tutti i luoghi dove si prativa attività sportiva, l’uso del defibrillatore è obbligatorio.
Un dispositivo che ha il compito di salvare la vita.

L’errore di credere che uno sportivo non possa mai avere un arresto cardiaco durante un regolare allenamento è un pensiero comune. Purtroppo non è così.
L’arresto cardiaco può colpire chiunque anche chi non ha particolari patologie e non sempre dipende dall’età o dal tipo di attività agonistica e non svolta.

Un improvviso sforzo cardiaco può compromettere le normali attività che il cuore svolge. Ecco da cosa può dipendere un improvviso arresto cardiaco ed ecco perché le palestre diventano luogo ad alto rischio per tutti coloro con problemi cardiaci nascosti. Dotare le palestre e gli impianti sportivi di un defibrillatore non deve essere dettato solo dalla legge che ne obbliga la sua presenza, ma è qualcosa che va oltre, qualcosa che garantisce una maggior sicurezza per tutti, qualcosa di scontato ma che spesso non lo è.

Salvaguardare la salute degli sportivi e di chi ama allenarsi a scopi puramente agonistici, garantisce sicurezza e prevenzione. Bisogna essere pronti ad intervenire e avere a disposizione un defibrillatore DAE in palestra è quel tocco in più per salvare o per salvarsi da un arresto cardiaco.

Perché affidarsi alla nostra azienda?

 

Texa Biomedicali si rivolge a tutti i gestori di impianti sportivi, palestre, centri di danza, amministrazioni comunali, associazioni sportive, federazioni e società che hanno il compito ma soprattutto il dovere di possedere al loro interno un defibrillatore semiautomatico DAE. Tra le diverse proposte, il defibrillatore Mindray BeneHeart è uno strumento affidabile, compatto, leggero, con tecnologia bifasica IndAC (Mindray) ad onda esponenziale tronca (BTE) con compensazione di impedenza.
È in grado di analizzare automaticamente il ritmo, a determinare quando è consigliato l’erogazione di uno shock e ad informare l’utilizzatore tramite messaggi vocali.
Quando il soccorritore è troppo nervoso o inesperto e non applica i pad per lungo tempo, è in grado di riconoscere in tempo le difficoltà incontrate dal soccorritore e fornirgli istruzioni operative dettagliare scambiando messaggi.

È un defibrillatore che sa con certezza di cosa hai bisogno!

8 buoni motivi per avere un Defibrillatore in Azienda

Installare un defibrillatore all’interno di un’azienda può essere il primo passo per renderla più sicura.
La sicurezza sul lavoro è un aspetto che negli anni ha interessato in molti. Un tema molto caldo considerando che la mortalità sul lavoro è elevata.
Il 5% degli arresti cardiaci si verifica sul posto di lavoro. Colpisce solitamente soggetti di età compresa tra i 40 e i 60 anni. Questo sta ad indicare che circa 70 lavoratori a settimana, in tutta Italia, vengono colpiti da un arresto cardiaco mentre si trovano sul posto di lavoro.

Ad oggi è chiaro che non esiste un vero e proprio obbligo giuridico di procurarsi un defibrillatore in azienda ma è anche vero che molte sono le situazioni in cui la presenza del macchinario sia fondamentale.

È consigliato per:

  • Aziende dove sono presenti apparecchi elettronici
  • Aziende con sedi all’aperto
  • Aziende isolate
  • Aziende in luoghi di transito eccessivo

8 sono i motivi essenziali per scegliere di acquistare un defibrillatore per la tua azienda:

  1. Motivi prettamente etici e morali: un defibrillatore salva la vita. Ricordiamo che l’arresto cardiaco può accadere per svariati motivi anche se non si soffre di gravi o specifiche patologie.
  2. Tutela personale: possedere un defibrillatore non è solo un apparecchio che può salvare la vita degli altri, ma può farlo anche della nostra stessa vita. Potremmo noi stessi averne bisogno.
  3. Il tempo è tiranno: bastano 10 minuti per avere il 2% di possibilità di sopravvivere. Se il cuore non riprende la sua normale funzionalità entro 5 minuti dall’inizio dell’arresto, i danni al cervello sono alquanto gravi.
  4. Maggior velocità rispetto ai soccorsi: i soccorsi non arriveranno mai in tempo per soccorrere il paziente e l’uso del defibrillatore potrebbe salvare molte vite.
  5. Il defibrillatore è fondamentale: il solo massaggio cardiaco non è efficace come può esserlo un defibrillatore, senza però sottovalutare l’importanza di una manovra che va a sostituire il defibrillatore mancante.
  6. Uso e formazione: non basta solo procurarsi un defibrillatore perché non tutti possono usare l’apparecchio. Per poter prestare soccorso è necessario seguire degli specifici corsi di formazione con prove pratiche di rianimazione.
  7. Responsabilità: possedere un defibrillatore all’interno della propria azienda è un vero e proprio atto di sicurezza e di responsabilità sia per proteggere se stessi che i propri dipendenti.
  8. Giusto costo: acquistare un defibrillatore online non porta ad una spesa elevata soprattutto considerando che un apparecchio del genere può salvare tante vite.

Mindray BeneHeart C1A, uno strumento affidabile

Scegliere di tenere a disposizione un defibrillatore nel proprio esercizio commerciale, palestra, studio medico, stabilimento balneare, può sembrare una scelta esagerata, ma non lo è perché con essa semplicemente possiamo salvare la vita ai nostri clienti e ai nostri pazienti.

Non entriamo qui nel merito elencando i luoghi dove, da qualche anno, è obbligatorio tenerne uno, ma semplicemente vi invitiamo a fare questa scelta per la sicurezza vostra e di chi frequenta la vostra attività o il vostro studio.

Oggi vi vogliamo parlare del Mindray BeneHeart C1A, uno strumento affidabile, compatto e leggero, con tecnologia Bifasica IndAC (Mindray) ad onda esponenziale tronca (BTE) con compensazione di impedenza.

In modalità AED analizza automaticamente il ritmo, determina quando è consigliata l’erogazione di uno shock ed informa l’utilizzatore tramite messaggi vocali.

Questo defibrillatore è robusto ai test d’impatto da 1.5 m ed è  dotato di un grado di protezione  IP55 ideale per ambienti di pronto soccorso e per l’impiego al di fuori della struttura ospedaliera.

E’ dotato di un sistema in grado di effettuare la registrazione dei suoni ambientali.

BeneHeart C1A è in grado di determinare ciò di cui hai bisogno. 

In effetti, quando il soccorritore è troppo nervoso o inesperto e non applica i pad per lungo tempo, questo defibrillatore è in grado di individuare le difficoltà che si stanno incontrando e fornire istruzioni utili, operative e più dettagliate andando a modificare i messaggi vocali.

Texa Biomedicali con l’acquisto del Mindray BeneHeart C1A del  ti garantirà:

  • La spedizione gratuita
  • Una coppia di elettrodi per defibrillazione adulti 
  • Una batteria

Qual è il costo del Defibrillatore? Ecco alcune regole per scegliere quello giusto!

Il defibrillatore è il dispositivo che può salvarci la vita se colpiti da un arresto cardiaco. È utile per contribuire alla ripresa del ritmo cardiaco grazie ad una scossa elettrica erogata dal dispositivo. Ma come scegliere quello giusto?

Continua a leggere

Defibrillatori nei Mezzi di Trasporto: quello che ancora c’è da sapere!

Molte sono le persone che ogni mattina si muovono utilizzando i mezzi sia pubblici che privati. Chi per lavoro, chi per andare a scuola, chi per visitare la città e chi per andare semplicemente a fare acquisti. Viaggiare su un aereo, in treno, in metropolitana o in autobus senza la presenza di un Defibrillatore a bordo non si ha nessuna speranza di salvezza tranne se il mezzo ne è provvisto. Vediamo come si sono evolute le cose nel corso degli anni.

Continua a leggere

Defibrillatore DAE nella case di riposo: tra efficienza e sicurezza

Le case di riposo, senza ombra di dubbio, sono dei luoghi che traggono beneficio nell’istallazione di un Defibrillatore Semiautomatico DAE, soprattutto per garantire la sicurezza non solo degli anziani ma anche con i parenti e tutto il personale. Vediamone l’effettiva efficienza e importanza che hanno i defibrillatori all’interno delle case di riposo.

Continua a leggere

Defibrillatori nei Ristoranti e nei Locali? Ecco cosa dice la legge!

Nonostante ci siano diversi casi di arresti cardiaci nei ristoranti e negli esercizi pubblici, non esiste ancora una legge che obblighi quest’ultimi a dotarsi di un Defibrillatore DAE Semiautomatico. Come devono comportarsi i proprietari di bar, ristoranti e locali? Scopriamolo insieme!

Continua a leggere

Defibrillatori negli stabilimenti balneari: ne sei fornito?

Durante il periodo estivo, tutti gli stabilimenti balneari accolgono un numero elevato di persone di ogni età e con svariate patologie, che passano la maggior parte del tempo sulle spiagge. Questo può portare ad un’elevata probabilità di arresti cardiaci soprattutto nei soggetti già predisposti. Ma le strutture balneari sono fornite di Defibrillatori DAE?

Continua a leggere

Perché è importante la presenza di un Defibrillatore in un luogo di lavoro?

Ad oggi, il 5% degli arresti cardiaci avviene proprio sul luogo di lavoro. Questo porta ad una stima di circa 70 lavoratori a settimana, in Italia, che cade vittima di un arresto cardiaco mentre si trova in ufficio. Quali sono le normative che regolano questo aspetto? È utile avere un Defibrillatore in ufficio o nella propria azienda?

Continua a leggere

Defibrillatori nei Condomini: come Salvaguardare la nostra salute in casa!

Ogni anno in Italia circa 70.000 persone sono vittime di un arresto cardiaco improvviso. Una città di medie dimensioni che scompare. Il 70% di questi decessi si riscontra all’interno della propria abitazione, che solitamente è il luogo dove si trascorre gran parte della giornata.
L’arresto cardiaco è proprio una delle principali cause di decesso che può colpire chiunque, in qualunque momento e in qualunque posto, e può essere combattuto solo entro i primi minuti, esercitando la rianimazione cardiopolmonare e utilizzando il defibrillatore, che è un apparecchio semplice e sicuro.
Come sono collocati nei condomini? Esiste una legge apposita? Vediamo!

Continua a leggere